di venerdì 20 ottobre 2017
AbruzzoMeteo, il primo quotidiano on-line abruzzese dedicato alla Meteorologia. Direttore e Previsore: Giovanni De Palma.
Rubriche a cura dello Staff AbruzzoMeteo: Giuseppe Petricca, Sergio Sprecacenere, Marco Bozzelli. Progetto, Realizzazione e Ufficio Stampa: Gilberto Di Nicola

Corpi nuvolosi raggiungono la nostra Penisola favorendo annuvolamenti e precipitazioni

Si parla di... , , ,
Pubblicato da Giovanni De Palma martedì 5 gennaio 2016, 7:15 | 731 letture
Inserito nella categoria Previsioni per oggi | Condividi su Facebook

La nostra Penisola risulta interessata dal passaggio di corpi nuvolosi di origine atlantica che, in queste ultime ore, favoriscono precipitazioni soprattutto sulle regioni centrali. Nelle prossime ore il sistema nuvoloso favorirà annuvolamenti diffusi anche sulla nostra Regione con possibili deboli precipitazioni, mentre nella giornata dell’Epifania un nuovo sistema nuvoloso attraverserà le regioni centro-meridionali, favorendo annuvolamenti, rovesci e un progressivo calo delle temperature anche sulla nostra Regione, specie dalla seconda metà della giornata. E dopo un temporaneo miglioramento previsto tra venerdì e sabato, specie sulle regioni centro-meridionali, un nuovo peggioramento si affaccerà sulla nostra Penisola, ancora una volta provocato da perturbazioni atlantiche che, tra domenica e lunedì, determineranno anche un deciso aumento delle temperature al centro-sud, a causa del rinforzo dei venti meridionali.

Sulla nostra Regione si prevedono condizioni generali di cielo nuvoloso o molto nuvoloso con possibili precipitazioni nel corso della giornata, più probabili a ridosso dei rilievi, nevose al disopra dei 1700-1900 metri. Schiarite saranno possibili dal pomeriggio-sera e nelle prime ore della giornata di domani ma la tendenza è verso un nuovo peggioramento nella seconda metà della giornata dell’Epifania, a partire dal settore occidentale, in estensione verso le restanti zone con rovesci, venti settentrionali in rinforzo, temperature in diminuzione e quota neve in calo intorno ai 1100-1300 metri.

Temperature: Generalmente stazionarie ma al disopra delle medie stagionali.

Venti: Deboli dai quadranti occidentali con rinforzi sulle zone montuose.

Mare: Poco mosso o localmente mosso.