di giovedì 23 novembre 2017
AbruzzoMeteo, il primo quotidiano on-line abruzzese dedicato alla Meteorologia. Direttore e Previsore: Giovanni De Palma.
Rubriche a cura dello Staff AbruzzoMeteo: Giuseppe Petricca, Sergio Sprecacenere, Marco Bozzelli. Progetto, Realizzazione e Ufficio Stampa: Gilberto Di Nicola

Ancora instabile nelle prossime ore, migliora nel pomeriggio ma peggiora stanotte-domattina

Pubblicato da Giovanni De Palma martedì 3 maggio 2016, 7:07 | 1,206 letture
Inserito nella categoria Previsioni per oggi | Condividi su Facebook

La nostra Penisola continua ad essere interessata da masse d’aria fredda provenienti dai vicini Balcani, che mantengono attive condizioni di instabilità soprattutto sulle regioni adriatiche, dove il tempo risulta ancora caratterizzato dalla presenza di annuvolamenti diffusi e precipitazioni. Nelle prossime ore è previsto un graduale miglioramento delle condizioni atmosferiche a partire dal settore occidentale, in estensione verso le restanti zone entro la serata ma si tratterà di un miglioramento temporaneo in attesa del transito di un veloce impulso di aria fredda proveniente dall’Europa centrale che, tra stanotte e domattina, favorirà un nuovo aumento della nuvolosità con possibili rovesci anche sulla nostra Regione, in particolar modo sul settore centro-orientale. Disturbo che sarà seguito da un nuovo miglioramento delle condizioni atmosferiche nel corso del pomeriggio-sera.

Sulla nostra Regione si prevedono condizioni iniziali di cielo nuvoloso o molto nuvoloso con rovesci, più probabili sul settore orientale, in particolar modo nel pescarese e nel chietino, nonché a ridosso dei rilievi, dove assumeranno carattere nevoso al disopra dei 1700-1900 metri. Nel corso della giornata è previsto un lento e graduale miglioramento ma, tra stanotte e domattina, torneranno a manifestarsi addensamenti sul settore orientale e costiero, localmente associati a rovesci, anche a carattere temporalesco, in miglioramento nella seconda metà della giornata di mercoledì.

Temperature: Generalmente stazionarie.

Venti: Deboli dai quadranti settentrionali con rinforzi lungo la fascia costiera.

Mare: Generalmente mosso.