Domenica con il bel tempo, almeno fino al tardo pomeriggio ma da stasera atteso peggioramento anche in Abruzzo. Torna la neve in pianura al nord e a quote relativamente basse anche in Abruzzo lunedì

Sulle regioni centro-meridionali il tempo è decisamente migliorato rispetto ai giorni scorsi, attualmente sono presenti residui annuvolamenti sull’Adriatico centro-meridionale, mentre splende il sole su gran parte delle regioni centrali, Abruzzo compreso dove, nelle prossime ore, proseguirà il bel tempo, almeno fino al tardo pomeriggio. Una nuova perturbazione di origine atlantica, inizierà a raggiungere le regioni settentrionali a partire dal pomeriggio, favorendo un moderato peggioramento delle condizioni atmosferiche e probabili nevicate in pianura, specie su Emilia-Romagna, Piemonte e bassa Lombardia.

Immagine al visibile ricevuta dal satellite NOAA-18 intorno alle 08.57 che ci mostra la perturbazione in arrivo dalla Francia che, dalle prossime ore, favorirà un peggioramento al centro-nord.

Da stasera è previsto un graduale aumento della nuvolosità anche sulla nostra regione dove, tuttavia, giungerà aria più mite, soprattutto in quota e ciò potrà favorire un temporaneo rialzo della quota neve, prevista inizialmente intorno ai 600-800 metri. Entrando maggiormente nel dettaglio, tra stanotte e le prime ore di domattina, è previsto un graduale peggioramento ad iniziare dalla Marsica e dall’Aquilano, con possibilità di nevicate anche sul nostro capoluogo, a quote lievemente più elevate sulla Marsica e sull’Alto Sangro, anche se è praticamente impossibile individuare l’esatta quota neve nelle valli Aquilane e Marsicane, il rimescolamento potrebbe essere di lieve entità, tuttavia non si escludono fenomeni di pioggia congelantesi in alcune zone.

Bellissima immagine ricevuta dal satellite russo METEOR M-N°2 che ci mostra, con maggiori dettagli, la nuvolosità in arrivo al centro-nord e la presenza di nebbie al nord (settore nord-occidentale) e la neve sull’Appennino centrale.

Nelle prime ore della mattinata di lunedì le precipitazioni si estenderanno verso il settore orientale e costiero, ma su queste ultime zone i fenomeni risulteranno inizialmente meno intensi e a carattere sparso, mentre nel corso della giornata, in particolare dal pomeriggio, a causa dello spostamento verso levante della perturbazione, giungeranno masse d’aria fredda dai vicini Balcani che determineranno un ulteriore peggioramento sul settore orientale, nell’Aquilano e sulle zone montuose, con temperature in diminuzione e quota neve in calo intorno ai 500-600 metri sui rilievi più settentrionali, (Gran Sasso e Monti della Laga), intorno ai 600-900 metri sui rilievi più meridionali. Probabili nuove nevicate a L’Aquila nella giornata di lunedì, specie tra la tarda mattinata e il pomeriggio-sera.

Un graduale miglioramento delle condizioni atmosferiche è previsto dalla serata-nottata di lunedì e nella giornata di martedì.

Giovanni De Palma – AbruzzoMeteo

Lascia un commento

error: Content is protected !!