La perturbazione si sposta verso il medio-basso Adriatico e nelle prossime ore continuerà a favorire condizioni di instabilità anche sulla nostra regione con temperature in calo

Il nucleo di aria fredda che, nella giornata di ieri, ha interessato le regioni settentrionali, ha raggiunto nel pomeriggio di ieri anche le regioni centrali, favorendo lo sviluppo di intense cellule temporalesche responsabili dei rovesci diffusi e delle grandinate che hanno interessato soprattutto il settore orientale della nostra regione. Nelle prossime ore la perturbazione tenderà a spostarsi gradualmente verso il settore adriatico centro-meridionale e, di conseguenza, la nostra regione continuerà ad essere interessata da condizioni di instabilità che si manifesteranno al mattino sul settore orientale e costiero, mentre nel corso del pomeriggio saranno possibili addensamenti intensi sulle zone collinari, interne e montuose con rovesci e manifestazioni temporalesche localmente di moderata intensità, in attenuazione in serata e in nottata. Gli ultimi aggiornamenti dei modelli matematici evidenziano, tuttavia, una certa persistenza dell’instabilità anche nel fine settimana, in particolare sulle regioni centro-meridionali, a causa della persistenza di un nucleo di aria fredda sul medio-basso Adriatico che manterrà attive condizioni di instabilità anche sulla nostra regione, nonché sul vicino Molise e sulla Puglia fino a domenica. Nei primi giorni della prossima settimana assisteremo, se la situazione verrà confermata, ad un graduale miglioramento delle condizioni atmosferiche e a un progressivo aumento delle temperature: vedremo.

Immagine all’infrarosso ricevuta dal satellite NOAA-19 intorno alle 05.48

Sulla nostra regione si prevedono condizioni iniziali di cielo nuvoloso o molto nuvoloso con possibili rovesci al mattino, anche lungo la fascia costiera ma più probabili sulle zone montuose e pedemontane che si affacciano sul versante adriatico; nel corso della giornata saranno possibili schiarite lungo la fascia costiera e sulle zone collinari prossime alla costa, mentre addensamenti consistenti tenderanno ad interessare le zone collinari, alto collinari e montuose con possibilità di rovesci e manifestazioni temporalesche, localmente di moderata intensità, in estensione verso l’Aquilano, la Marsica e l’Alto Sangro. Dalla serata assisteremo ad una graduale attenuazione della nuvolosità e dei fenomeni.

Temperature: In diminuzione, specie nei valori massimi, con valori al disotto delle medie stagionali.

Venti: Deboli dai quadranti settentrionali, in rinforzo lungo la fascia costiera e collinare.

Mare: Generalmente mosso o molto mosso.

Lascia un commento

error: Content is protected !!