Fine settimana all’insegna dell’instabilità che si manifesterà soprattutto nel pomeriggio-sera, ad iniziare dalle zone interne e montuose. Nuova perturbazione in arrivo da lunedì sera

La nostra penisola continua ad essere interessata da condizioni di instabilità che si manifestano soprattutto sulle regioni centro-meridionali, a causa dell’avvicinamento di masse d’aria umida in quota provenienti dal Mediterraneo occidentale che, nel fine settimana, continueranno a favorire lo sviluppo di addensamenti e temporali soprattutto lungo la dorsale appenninica, con fenomeni in estensione verso le zone pedemontane e collinari che si affacciano sul versante adriatico, dove non si escludono occasionali sconfinamenti verso le aree costiere, specie nel tardo pomeriggio-sera. Un ulteriore peggioramento delle condizioni atmosferiche è previsto a partire dalla giornata di lunedì, a causa della discesa di un sistema nuvoloso di origine atlantica che, dal pomeriggio-sera, tenderà ad interessare gran parte delle nostre regioni, favorendo una progressiva intensificazione della nuvolosità e dei fenomeni, anche a carattere temporalesco, sul settore adriatico di Marche, Abruzzo e Molise. Il maltempo proseguirà anche nella giornata di  martedì con rovesci diffusi, anche temporaleschi, accompagnati da venti settentrionali in rinforzo e temperature in generale diminuzione; alla base dei dati attuali, inoltre, nei giorni successivi sembra possibile l’arrivo di nuove perturbazioni atlantiche, dirette principalmente verso le nostre regioni: vedremo.

Immagine all’infrarosso ricevuta dal satellite NOAA-19 intorno alle 06.11

Sulla nostra regione si prevedono condizioni iniziali di cielo sereno o poco nuvoloso con possibili annuvolamenti al mattino nel Chietino, in attenuazione nel corso della mattinata, possibili banchi di nebbia nelle valli interne dell’Aquilano, in diradamento nel corso della giornata. Dalla tarda mattinata assisteremo allo sviluppo di addensamenti a ridosso dei rilievi con possibilità di rovesci e manifestazioni temporalesche, inizialmente più probabili sulle zone montuose e sui rilievi Marsicani, tuttavia nel pomeriggio e nel tardo pomeriggio i fenomeni potranno estendersi verso le zone pedemontane e collinari del Teramano, Pescarese e Chietino, con occasionali sconfinamenti verso le aree costiere, anche se entro la tarda serata è atteso un graduale ma temporaneo miglioramento delle condizioni atmosferiche, in attesa di un nuovo aumento dell’instabilità nel pomeriggio-sera di domenica.

Temperature: Generalmente stazionarie o in lieve aumento, specie nei valori massimi. Afa in aumento lungo le aree costiere.

Venti: Deboli a regime di brezza con possibili rinforzi di Maestrale lungo le coste. Occidentali sulle zone interne e montuose, tuttavia non si escludono colpi di vento durante i temporali.

Mare: Generalmente poco mosso con moto ondoso in aumento durante le ore centrali della giornata.

Giovanni De Palma – AbruzzoMeteo

L1

Lascia un commento

error: Content is protected !!