Residui annuvolamenti sul medio-basso Adriatico nelle prossime ore ma la tendenza è verso un ulteriore miglioramento delle condizioni atmosferiche

La nostra penisola continua ad essere interessata dall’arrivo di masse d’aria fredda provenienti dall’Europa orientale e dai vicini Balcani che, in queste ultime ore, determinano annuvolamenti e rovesci soprattutto su Puglia, Basilicata e Calabria, mentre sulle restanti zone la situazione è in miglioramento, anche se non mancheranno residui annuvolamenti in mattinata, in attenuazione soprattutto nella seconda metà della giornata. Un nuovo veloce impulso di aria fredda provenienti dall’Europa centrale raggiungerà la Sardegna e i nostri mari occidentali, favorendo un graduale peggioramento delle condizioni atmosferiche sull’isola tra martedì e mercoledì, con possibili annuvolamenti anche sulle regioni centrali, ma si tratterà di un disturbo piuttosto veloce a cui farà seguito un nuovo deciso miglioramento delle condizioni atmosferiche a causa della rimonta di un promontorio di alta pressione che, alla base dei dati attuali, dovrebbe garantire condizioni di tempo stabile su gran parte delle nostre regioni, con possibili foschie, banchi di nebbia e conseguente accumulo degli inquinanti nei grandi centri urbani del centro-nord.

Immagine all’infrarosso ricevuta ieri sera dal satellite russo METEOR M N°2 intorno alle 20.08

Sulla nostra regione si prevedono condizioni iniziali di cielo poco nuvoloso lungo la fascia costiera, sulle zone collinari prossime alla costa e nell’Aquilano, mentre residui annuvolamenti saranno presenti sulle zone montuose e sulle zone pedemontane che si affacciano sul versante adriatico, in graduale attenuazione nel corso della giornata, specie dal pomeriggio. Non si escludono residui addensamenti anche lungo la fascia costiera in mattinata, ma la tendenza è verso un ulteriore miglioramento delle condizioni atmosferiche dal pomeriggio. Gelate diffuse durante le ore serali, notturne e al primo mattino, specie sulla Marsica, nell’Aquilano e localmente nelle pianure e nelle valli che si affacciano sul versante adriatico.

Temperature: In diminuzione nei valori minimi, in lieve aumento nei valori massimi.

Venti: Deboli dai quadranti settentrionali con residui rinforzi, al mattino, lungo la fascia costiera.

Mare: Generalmente mosso o molto mosso.

Lascia un commento

error: Content is protected !!