Correnti atlantiche continuano a favorire il transito di sistemi nuvolosi accompagnati da forti venti di Libeccio che manterranno le temperature al disopra delle medie stagionali. Da venerdì attesa generale diminuzione delle temperature con possibili nevicate a quote molto basse o pianeggianti

La nostra penisola continua ad essere interessata da un flusso di correnti atlantiche in seno alle quali si muovono sistemi nuvolosi che raggiungono la nostra penisola, provocando annuvolamenti, rovesci e forti venti di Libeccio (Garbino sul versante adriatico). Nelle prossime ore la prima delle due perturbazioni attesa tra oggi e la serata di mercoledì attraverserà le regioni centrali favorendo rovesci sparsi, più frequenti sul settore occidentale della nostra regione, con venti di Libeccio che continueranno a soffiare in maniera piuttosto sostenuta per gran parte della giornata. Nel pomeriggio-sera è prevista una graduale attenuazione della nuvolosità, in particolare sul versante adriatico, tuttavia una nuova veloce perturbazione attraverserà le regioni centrali nella giornata di mercoledì, ancora una volta accompagnata da un rinforzo dei venti di Libeccio (Garbino sul versante adriatico), con raffiche localmente superiori ai 70-80 Km/h, specie sulle zone pedecollinari. Successivamente, alla base dei dati attuali, da giovedì la situazione inizierà a cambiare e masse d’aria molto fredda raggiungeranno dapprima le regioni nord-orientali e l’alto Adriatico, mentre da venerdì l’aria fredda si estenderà anche verso Marche, Abruzzo e Molise, con conseguente generale calo delle temperature e un probabile peggioramento delle condizioni atmosferiche tra venerdì e sabato che, se confermato, date le basse temperature previste, potrà dar luogo a precipitazioni nevose fino a quote molto basse o pianeggianti. Il freddo intenso, inoltre, durerà almeno fino ai primi giorni della prossima settimana e la neve tornerà ad imbiancare anche la Marsica, l’Aquilano e l’Alto Sangro a causa del transito di una veloce perturbazione, attesa proprio tra venerdì e sabato. Si tratta, tuttavia, di una tendenza che dovrà essere necessariamente confermata nei prossimi aggiornamenti in quanto la situazione prevista risulta molto complessa e, al momento, mancano ulteriori dettagli.

Immagine IR NOAA-18

Sulla nostra regione si prevedono condizioni iniziali di cielo nuvoloso o molto nuvoloso con rovesci sparsi, accompagnati da forti raffiche di vento, tuttavia nel corso della giornata è prevista una graduale attenuazione della nuvolosità con ampie schiarite nel Teramano, nel Pescarese e nel Chietino, mentre annuvolamenti continueranno ad interessare il settore occidentale, con forti venti di Libeccio (Garbino sul versante adriatico) e raffiche localmente superiori ai 70-80 Km/h. Un nuovo peggioramento è atteso nella giornata di mercoledì, ad iniziare dal settore occidentale.

Temperature: Stazionarie ma con valori al disopra delle medie stagionali, specie sul versante adriatico.

Venti: Moderati dai quadranti occidentali o sud-occidentali con possibili forti raffiche sulle zone pedecollinari che si affacciano sul versante adriatico.

Mare: Generalmente mosso, localmente poco mosso sottocosta.

Giovanni De Palma – AbruzzoMeteo

L2

Lascia un commento

error: Content is protected !!