Fine settimana caratterizzato dal transito di due perturbazioni atlantiche che favoriranno precipitazioni soprattutto sul settore occidentale e forti venti di Libeccio

La nostra penisola è interessata dal transito di un’intensa perturbazione atlantica accompagnata da un deciso rinforzo dei venti di Libeccio che, dal pomeriggio di ieri, hanno raggiunto anche le regioni centrali, con raffiche superiori ai 70-90 Km/h, con precipitazioni in intensificazione soprattutto sui settori appenninici di Marche, Abruzzo e Molise. Nelle prossime ore continueranno a soffiare forti venti di Libeccio (Garbino sul versante adriatico), con raffiche localmente superiori a 80-100 Km/h, specie nella prima parte della giornata, con rovesci in intensificazione  sulla Marsica, nell’Aquilano, sull’Alto Sangro, con possibili sconfinamenti verso il settore adriatico; dal pomeriggio assisteremo ad una temporanea attenuazione dei venti, della nuvolosità e dei fenomeni, tuttavia si tratterà di un miglioramento temporaneo, in attesa dell’arrivo di una nuova perturbazione atlantica attesa nella giornata di domenica, accompagnata da forti venti occidentali, temperature in diminuzione e rovesci ad iniziare dalle zone appenniniche, in estensione verso il settore adriatico, ma in miglioramento tra la tarda mattinata e il tardo pomeriggio. Le temperature, inoltre, torneranno a diminuire nella giornata di domenica e potrà tornare a cadere la neve sui rilievi al disopra dei 1400-1500 metri, specie sui rilievi che si affacciano ad ovest.

Immagine all’infrarosso ricevuta dal satellite NOAA-19 intorno alle 05.12

Sulla nostra regione si prevedono condizioni generali di cielo nuvoloso o molto nuvoloso con rovesci diffusi, localmente di moderata intensità sulla Marsica, nell’Aquilano e sull’Alto Sangro, accompagnati da forti venti di Libeccio (Garbino sul versante orientale), con raffiche localmente superiori a 80-100 Km/h, attenzione. Nel corso della mattinata, inoltre, non si escludono rovesci in sconfinamento verso le zone pedemontane e collinari che si affacciano sul versante adriatico e, localmente, anche verso le aree costiere. Un temporaneo miglioramento delle condizioni atmosferiche è atteso nel pomeriggio-sera, tuttavia una nuova perturbazione raggiungerà la nostra regione a partire da stanotte e nelle prime ore della giornata di domenica, favorendo rovesci sul settore occidentale e, localmente anche sul settore adriatico, nevosi intorno ai 1600-1900 metri, in graduale calo intorno ai 1400-1500 metri, forti venti occidentali con raffiche intense sulle zone montuose e sul versante adriatico. Dalla tarda mattinata e nel corso del pomeriggio è previsto un graduale miglioramento delle condizioni atmosferiche, anche se in nottata e nelle prime ore della mattinata di lunedì saranno possibili annuvolamenti sul settore costiero e sull’Adriatico centrale con possibilità di precipitazioni.

Temperature: In ulteriore aumento, specie sul settore adriatico.

Venti: Moderati o forti dai quadranti sud-occidentali. Garbino sul versante adriatico, con raffiche localmente superiori a 80-100 Km/h, attenzione. Venti in graduale ma temporanea attenuazione dal pomeriggio, tuttavia da stanotte torneranno ad intensificarsi.

Mare: Poco mosso o localmente mosso sottocosta, mosso o molto mosso il settore centrale del Mare Adriatico.

Giovanni De Palma – AbruzzoMeteo

L2

Lascia un commento

error: Content is protected !!