Un’area di instabilità posizionata sulla Sardegna favorirà un aumento della nuvolosità e possibili temporali anche sulle regioni centrali, in particolare sulle zone interne e montuose

La situazione meteorologica attuale è caratterizzata dalla presenza di una vasta area di instabilità centrata sulla Sardegna, attorno alla quale ruotano corpi nuvolosi a prevalente carattere temporalesco, in sviluppo sul Tirreno centro-meridionale, in estensione verso le regioni centro-meridionali tirreniche; nelle prossime ore l’area di instabilità si sposterà ulteriormente verso il Tirreno centro-meridionale, favorendo un graduale aumento dell’instabilità sulle nostre regioni centro-meridionali, in particolare sul settore appenninico e tirrenico, dove sono attesi annuvolamenti, rovesci e manifestazioni temporalesche localmente di forte intensità. A partire da sabato l’instabilità inizierà ad attenuarsi a causa della rimonta di un promontorio di alta pressione che, tra domenica e lunedì, si estenderà su gran parte delle nostre regioni centro-settentrionali e sull’Europa centrale, favorendo condizioni di tempo stabile e prevalentemente soleggiato con temperature in aumento. Alla base dei dati attuali, tuttavia, l’alta pressione tornerà ad attenuarsi da martedì e sulla nostra penisola tenderà nuovamente ad intensificarsi l’instabilità con elevata probabilità di temporali pomeridiani su gran parte delle regioni centro-meridionali, specie sulle zone collinari, interne e montuose: vedremo.

Immagine al visibile ricevuta dal satellite NOAA-19

Sulla nostra regione si prevedono condizioni iniziali di cielo sereno o poco nuvoloso con nuvolosità in aumento sulle zone interne e montuose durante le ore centrali della giornata e nel corso del pomeriggio con elevata probabilità di rovesci e manifestazioni temporalesche, più probabili sulla Marsica, nell’Aquilano e sull’Alto Sangro, in estensione verso il vicino Lazio, tuttavia non si escludono temporali in sconfinamento anche verso il settore orientale, in particolare sulle zone pedemontane e collinari che si affacciano sul versante adriatico; la probabilità di fenomeni lungo le aree costiere sarà piuttosto bassa ma non da escludere del tutto. In serata e in nottata è prevista una graduale attenuazione della nuvolosità e dei fenomeni che, tuttavia, torneranno a riproporsi nel pomeriggio e nel tardo pomeriggio di sabato, specie sulle zone interne (Marsica, Aquilano Alto Sangro) e montuose.

Temperature: Generalmente stazionarie.

Venti: Deboli dai quadranti nord-orientali con possibili rinforzi lungo la fascia costiera.

Mare: Poco mosso o localmente mosso durante le ore centrali della giornata.

Giovanni De Palma – AbruzzoMeteo

Lascia un commento

error: Content is protected !!